L’emblema del Rotaty sulla rotonda

25 Settembre 2009 – Giornale di Brescia

VILLA CARCINA – Da qualche giorno è comparsa sulla rotatoria della statale della Valtrompia, a Cogozzo, la Ruota del Rotary International. Si tratta di una fusione in bronzo del diametro di un metro e mezzo che raffigura una ruota dentata, un ingranaggio che pare essere in perfetta sintonia con lo spirito, la tradizione manifatturiera e metallurgica, la storia della Valle Trompia. La ruota è stata posta al centro della rotatoria che è sistemata adeguatamente per ospitare il monumento: l’intera superficie è occupata da una spirale che si innalza verso il centro e che reca al suo culmine, nel punto di origine, appunto, la ruota simbolo del Rotary International. Con questa iniziativa, il Rotary Club Valtrompia ha inteso celebrare il secolo di vita del sodalizio internazionale, fondato a Chicago nel 1905. «La realizzazione, ci dicono al Rotary, ha avuto parecchio ritardo rispetto ai programmi, per via di una serie di incertezze da parte di un altro Comune della Valle, dove si pensava originariamente di collocarla, e poi di alcune lungaggini burocratiche con lo stesso Comune di Villa Carcina, che ha approvato il progetto nella primavera di quest’anno. La sistemazione della rotonda è stata sostenuta interamente dal Rotary Club Valtrompia, che ha così contribuito in modo significativo anche all’arredo urbano comunale». Come noto, l’attività del Rotary International si caratterizza per due linee portanti: quella di creare rapporti di amicizia, conoscenza e integrazione fra esponenti delle categorie professionali di un territorio e progettare e realizzare iniziative di solidarietà per rispondere, per quanto possibile, all’enormità dei bisogni. Oggi, il Rotary International conta circa 32mila Club e circa 1,3 milioni di soci.

Giornale di Brescia_25 Settembre 2009

Archivi